Sei qui: Home Associazioni Gare ed appalti Licitazione

Licitazione

COMUNE DI BUGNARA Provincia de L’Aquila Corso Vittorio E. III° - 67030 Bugnara (AQ)

0864/46114

0864/46301

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
 

BANDO DI GARA MEDIANTE  LICITAZIONE PRIVATA

(Art. 37 bis e ss. L. 109/94 e s.m.i.)

REALIZZAZIONE E CONCESSIONE DI UN CENTRO CONGRESSI E DI UN CENTRO SERVIZI DESTINATI AD ATTIVITÀ CONVEGNISTICO CONGRESSUALI E DIDATTICHE CON RECUPERO DI PATRIMONIO EDILIZIO DI PROPRIETA’ COMUNALE E DI PRIVATI

MEDIANTE L’ISTITUTO  PROJECT FINANCING
 
IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNALE
 
VISTI



      il Programma Triennale dei Lavori Pubblici  2005-2007, adottato dal Comune di Bugnara giusta Delibera di Giunta n. 84 del 10.09.2004,  pubblicato per 60 giorni a partire dal 22/09/2004 presso l’Albo Pretorio del Comune, che individuava l’intervento di interesse pubblico da realizzarsi mediante l’istituto del “project financing” previsto agli artt. 37/bis e 37/novies  della legge 109/1994 e ss.mm.ii,  tramite contratti di concessione di cui all’art. 19 comma 2 della medesima legge e consistente nella “Realizzazione e concessione di un Centro Congressi e di un Centro Servizi destinati ad attività convegnistico congressuali e didattiche”;

      il più ampio programma “Bugnara Cittadella del Turismo”, approvato giusta delibera n. 21 del 17.11.2003; nel quale è previsto che il descritto intervento, afferente immobili di proprietà comunale e di privati, abbia come obiettivo la realizzazione di una struttura didattico – residenziale in cui ospitare un centro nazionale ed europeo di formazione di base e di alta specializzazione per manager ed operatori del settore turistico, con particolare attenzione al comparto alberghiero e della ristorazione;

      la deliberazione della Giunta Comunale n° 84 del 10/09/2005 con la quale è stato approvato il programma triennale dei lavori pubblici 2005-2007 ed è stato nominato il responsabile del procedimento  il Geom. Antonio D’Angelo dell’Ufficio Tecnico Comunale;

      l’avviso pubblico con il quale è stata resa nota la presenza nel programma triennale dei lavori pubblici 2005/2007 delle suddette opere da realizzare con l’istituto del “project financing, il quale è stato pubblicato nei modi e termini di legge;

      la sola proposta pervenuta entro i termini previsti dal suddetto avviso, la quale è stata presentata con nota del 03/06/2005 (in atti prot. 592/2005) dalla Società Sagittario s.r.l., corrente in Sulmona, località Badia, via Case Lupi, in persona del suo Amministratore Unico dott. Renato Angelucci;

      la proposta presentata, la quale prevede la realizzazione di un Centro Congressi destinato ad attività convegnistico congressuali, didattiche ed un Centro Servizi

      la proposta di realizzazione e le successive integrazioni presentate dalla Sagittario (comunicazione in atti prot. 699 del 05/07/2005) a soddisfare le osservazioni ad essa indirizzate dal Sindaco del Comune di Bugnara (nota prot. 682 del 14/06/2005);

      la determina n. 63 del Responsabile del Servizio Tecnico Comunale, che ha accertato la sussistenza dei requisiti della società Sagittario quale ente promotore, così come stabiliti dall’art. 37bis della Legge n. 109/1994 e dell’art. 99 D.P.R. n. 554/1999

      la deliberazione n. 67 del 07/07/2005, con cui la Giunta Comunale ha ritenuto fattibile la proposta di realizzazione e concessione presentata dalla Società Sagittario srl, a seguito di valutazione effettuata sotto i seguenti profili:

      costruttivo

      urbanistico

      ambientale

      della qualità progettuale

      della fruibilità dell’opera

      del rendimento

      del costo di gestione e manutenzione

      della durata della concessione

     dei tempi di ultimazione dei lavori

     del valore economico finanziario del piano

     del contenuto della bozza di conversione

     la stessa deliberazione n. 67 del 07/07/2005, con cui la Giunta Comunale individua nella Sagittario srl il soggetto promotore dell’intervento di cui all’intestazione, ai sensi dell’art. 37ter della Legge n. 109/1994 e dell’art. 99 D.P.R. n. 554/1999; la stessa deliberazione 67/2005, con cui la Giunta Comunale dà mandato al Responsabile del Servizio Tecnico Comunale per l’indizione di una gara avente per oggetto la “Realizzazione e concessione di un Centro Congressi e di un Centro Servizi destinati ad attività convegnistico congressuali e didattiche”, da svolgere secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa di cui all’art. 21, comma 2, lett. B) della Legge n. 109/1994, ponendo a base di gara il progetto definitivo presentato dal promotore, nonché i valori degli elementi necessari per la determinazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa nelle misure previste dal piano economico finanziario presentato dal promotore medesimo;

     la determinazione del Responsabile Servizio Tecnico Comunale n. 74 del 17/08/2005 con la quale è stata indetta la gara ad evidenza pubblica mediante licitazione privata con successiva procedura negoziata, ai sensi dell’art. 37 quater della Legge 11 febbraio 1994 n° 109 e s.m.i., approvato lo schema del bando di gara ed assunto il relativo impegno di spesa per le pubblicazioni di legge;

 
EMANA
Il presente bando di gara mediante licitazione privata avente per oggetto la “Realizzazione e gestione funzionale ed economica di un Centro Congressi e di un Centro Servizi destinati ad attività convegnistico congressuali e didattiche”, al fine di individuare i soggetti da ammettere alla procedura negoziata con il promotore per la relativa concessione. La struttura è destinata ad ospitare un centro nazionale ed europeo di formazione di base e di alta specializzazione per manager ed operatori del settore turistico, con particolare attenzione al comparto alberghiero e della ristorazione.

Articolo 1- Ente Concedente

Comune di Bugnara

Corso Vittorio E. III° - 67030 Bugnara (AQ)  ' 0864/46114 Ê 0864/46301

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Articolo 2- Procedura di gara

Aggiudicazione mediante licitazione privata, con successiva procedura negoziata, ai sensi dell’art. 37 quater della Legge 11 Febbraio 1994, n. 109 e s.m.i.

Articolo 3- Oggetto della gara

Affidamento della concessione per la Realizzazione e la gestione funzionale ed economica di un Centro Congressi e di un Centro Servizi destinati ad attività convegnistico congressuali e didattiche, da realizzarsi attraverso il recupero edilizio di strutture pubbliche e private

Il progetto del Centro Congressi-Centro Servizi prevede un intervento articolato su  due edifici di valore storico ed in condizioni di degrado più o meno avanzato, attraverso il recupero, restauro e ristrutturazione dei singoli manufatti.

Preliminarmente saranno realizzate opere di consolidamento statico secondo la normativa antisismica, bonifica dell’umidità ed interventi di restauro delle strutture.

Si procederà quindi all’esecuzione delle opere di adeguamento degli edifici alle nuove funzioni d’uso, di rifacimento e adeguamento degli impianti tecnologici alla normativa vigente nonché, all’abbattimento delle barriere architettoniche.

I due edifici oggetto dell’intervento saranno destinati ad accogliere attività congeniali alle strutture e, tutte le nuove funzioni saranno articolate ed integrate nel centro storico senza mai formare episodi isolati.

Il progetto, ad alto contenuto tecnologico ed innovativo, prevede nuove strutture di telecomunicazioni ed un sistema informativo permanente le cui premesse sono già state predisposte dalla Società proponente con la realizzazione di un Portale informatico già presente  all’indirizzo www.bugnaraformazione.it.

Le fasi di gestione funzionale ed economica presuppongono che i soggetti interessati dimostrino di aver avviato la costituzione di un Consorzio Formativo che si occupi della qualità tecnico-scientifica della proposta formativa. L’evidenza oggettiva della presenza di soggetto qualificati può essere dimostrata attraverso lettere di intento dei partecipanti, con l’impegno a costituire il Consorzio Formativo nei 60 gg. successivi all’aggiudicazione della gara. Al consorzio, oltre al soggetto proponente, deve partecipare almeno un ente pubblico territoriale ed una istituzione universitaria legalmente riconosciuta .

Le risorse saranno parzialmente a carico del soggetto aggiudicatario, per una quota di € 113.800,00. La restante quota pari a € 1.000.000,00 sarà assicurata dal Comune a valere sui fondi CIPE di cui all’ Accordo di Programma Quadro – A.P.Q. - per le aree interne.


Articolo 4- Luogo di esecuzione

Le opere dovranno essere realizzate nel Comune di Bugnara, e riguarderanno gli immobili:

        Casa Bonanni in Vico del Forno censita al N.C.E.U. con il F°18 particella 517, di proprietà della Società Sagittario srl, destinata a Centro Servizi ed aula didattica

        Ruderi in Vico Iannessa e Vico del Pesce censiti al N.C.E.U. con il F° 18 particelle n. 253-330-332, di proprietà comunale (330-332) e privata, destinata a Centro Congressi ed aula didattica.


Articolo 5 – Documentazione di gara

I soggetti interessati avranno la facoltà di ritirare copia del bando di gara e prendere visione dei documenti costituenti la proposta del Promotore, posti a base di gara, presso il Comune di Bugnara, Via Vittorio E.III – Servizio Tecnico Comunale nei giorni da lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00.
La documentazione di gara è così costituita

            All.  A – Relazione illustrativa di inquadramento territoriale e di fattibilità ambientale.

            All.  B – Cartella elaborati progettuali

            All.  C – Piano di sicurezza e Coordinamento – Prime indicazione e disposizioni.

            All.  D – Schema convenzione.

                  All.  E –  Calcolo sommario delle spese per predisposizione proposta.

                  All.  F – Studio di Fattibilità e Preliminare dell’intervento, con specificazione degli elementi di cui all’art. 21, comma 2, lett. B), L. 109/94

                  All.  1 –  Stralcio Piano Urbanistico Comunale.

                  All.  2 –  Planimetria catastale

                  All.  3 –  Planimetria generale

                  All. 4a –  Pianta Casa Bonanni allo stato di fatto

                  All. 4b – Pianta Rudere allo stato di fatto

                  Piano economico-finanziario con illustrazione e specificazione delle caratteristiche del servizio e della gestione dell’opera.

                  Asseverazione Piano economico e finanziario

 

dovrà essere visionata dal Titolare, dal Legale rappresentante, dal Direttore Tecnico o da un loro delegato (munito di delega) delle Imprese che intendono partecipare alla gara.

L’ufficio rilascerà una DICHIARAZIONE controfirmata dalla ditta con la quale si attesta che la Ditta ha preso visione di tutti gli elaborati ed atti che costituiscono la proposta del Promotore.

 

Articolo 6- Criteri di aggiudicazione

La licitazione privata sarà espletata con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa di cui all’art. 21, comma 2, lett. b della Legge 109/94 e s.m.i., determinata con il metodo aggregativo-compensatore di cui all’allegato B del D.P.R. 554/99; successivamente alla scadenza del termine fissato ai concorrenti per la presentazione dell’offerta, l’Amministrazione Comunale procederà a nominare una apposita Commissione Giudicatrice secondo il disposto dei commi 5, 6 e 7 dell’art. 21 della citata Legge 109/94, nonché dell’art. 92 del D.P.R. 554/99 che, al fine di giungere alla formulazione di una graduatoria, valuterà con le modalità di cui all’art. 91 del sopra citato D.P.R. 554/99 le offerte presentate considerando gli elementi di cui all’articolo successivo.

In caso di offerte che raggiungano uguale punteggio con l’applicazione del metodo aggregativo-compensatore, verranno privilegiate quelle presentate dai soggetti con maggiore esperienza specifica accumulata nel settore oggetto della Concessione (gestione di strutture scolastico-formative e relative attività accessorie).

L’offerta economicamente più vantaggiosa è effettuata con la seguente formula:

        = valutazione dell’offerta del concorrente

       =  elemento di valutazione iesimo ( i = 1, 2, 3, 4, 5, 6)

       = punteggio attribuito per l’elemento di valutazione iesimo

Articolo 7 – Elementi di valutazione dell’offerta

Viene posto a base di gara il progetto presentato dal soggetto Promotore: Sagittario S.r.l. con  sede in Sulmona, ed il relativo Piano economico-finanziario asseverato dalla Banca del Fucino, prendendo in considerazione i seguenti elementi di valutazione delle offerte ai quali sarà attribuito il peso/fattore ponderale relativo a fianco indicato, per un punteggio  massimo pari a complessivi 100 punti:

i = 1    Modalità di gestione e qualità del Piano Formativo                               (max 35 punti);

i = 2    Valutazione dei soggetti partecipanti al Consorzio Formativo (max 35 punti);

i = 3    Rendimento                                                                                                 (max 15 punti);

i = 4    Presentazione fideiussione bancaria per acquisto immobile            (max   5 punti)

i = 5    Tempo di esecuzione dei lavori                                                                (max   5 punti).

i = 6    Prezzo                                                                                                          (max   5 punti).
 

Le offerte presentate a pena di esclusione non potranno essere peggiorative, per ciascun elemento di valutazione, rispetto a quanto indicato nella proposta del promotore.


i = 1    Modalità di gestione e qualità del Piano Formativo Il Promotore ha presentato un piano di sviluppo del Centro di Formazione Permanente il quale prevede:

                  Accordi con Associazioni di categoria rappresentative del settore alberghiero e dei comparti della ricettività e della ristorazione

                  Accordi con catene alberghiere significative all’interno del settore merceologico interessate all’addestramento, alla formazione superiore ed alla formazione continua del proprio personale

                  Un sistema interno di competenze qualificato (Consorzio formativo), il quale ha prospettato una offerta formativa ampia ed articolata
           

Ai fini della valutazione, il richiedente dovrà fornire evidenza oggettiva dei seguenti elementi:

                  Accordi formalizzati con associazioni di categoria (Ac):           massimo 12 punti

                  Accordi con catene Alberghiere significative (Ca):               massimo 10 punti

                  Offerta formativa (Of):                                            massimo   8 punti

                  modalità di gestione (Pe):                                         massimo   5 punti

con l’applicazione della seguente formula:


K1=  aAc + bCa + cOf + dPe
 

ove a, b, c, d  sono i coefficienti compresi tra 0 e 1, espressi in valori centesimali attribuiti al concorrente “z” in base alle seguenti formule:

a = il cui valore varia da 0 a 1 è dato dalla media dei coefficienti attribuiti dai singoli commissari      Ac = 12 
b = il cui valore varia da 0 a 1 è dato dalla media dei coefficienti attribuiti dai singoli commissari      Ca = 10
c il cui valore varia da 0 a 1 è dato dalla media dei coefficienti attribuiti dai singoli commissari          Of = 8
d = il cui valore varia da 0 a 1 è dato dalla media dei coefficienti attribuiti dai singoli commissari                             Pe = 5


I coefficienti a, b, c, d sono 0 in corrispondenza della prestazione minima possibile (quella offerta dal promoter) e sono 1 in corrispondenza della prestazione massima offerta.
 

Per la valutazione delle modalità di gestione (coefficiente e ) si fa riferimento alla proposta del Promotore, prevedendo l’attribuzione di un punteggio massimo di 5 punti in relazione alla possibilità di garantire un maggior numero di allievi formati, nonché in base al tasso di rendimento dell’iniziativa (T.I.R.) da calcolarsi in relazione all’analisi dell’ipotizzato andamento nel tempo dei flussi di cassa della gestione operativa al netto degli investimenti.

 
i = 2    Valutazione dei soggetti partecipanti al Consorzio Formativo

E’ condizione discriminante, a pena di esclusione dalla gara, l’aver avviato, da parte del soggetto partecipante alla gara, la costituzione di un Consorzio Formativo che si occupi della qualità tecnico-scientifica della proposta formativa. L’evidenza oggettiva può essere dimostrata attraverso lettere di intento dei partecipanti, con l’impegno a costituire il Consorzio Formativo nei 60 gg. successivi all’aggiudicazione della gara. Al consorzio, oltre al soggetto proponente, deve partecipare almeno un ente pubblico territoriale ed una istituzione universitaria legalmente riconosciuta.

La Commissione giudicatrice effettuerà una valutazione delle caratteristiche e dei curricula dei soggetti impegnatisi per la costituzione del Consorzio Formativo.

K2 = 35r  con r = media dei coefficienti (compresi tra 0 e 1)  attribuiti discrezionalmente dai singoli commissari


i = 3  Rendimento, l’offerta dovrà indicare l’ammontare del canone annuale di concessione che il concorrente è disposto a corrispondere all’Amministrazione concedente.

Nella proposta del Promotore non è previsto il pagamento di alcun canone di concessione a favore dell’Amministrazione.

I concorrenti nella loro offerta potranno specificare se, oltre al diritto di gestire funzionalmente e di sfruttare economicamente la struttura formativa realizzata, siano  disposti a corrispondere all’Amministrazione Comunale concedente un canone annuo, rivalutabile biennalmente in base alle variazioni dell’indice ISTAT relativo ai prezzi al consumo; in questo caso all’atto dell’offerta deve essere presentata apposita garanzia fidejussoria di importo pari a due annualità del canone che si sono dichiarati disponibili a corrispondere al Comune.

L’attribuzione dei punteggi alle singole offerte, per quanto concerne l’elemento in esame, avverrà applicando la seguente formula: K3 = x P

x = X/Xmax                P = 15            X = canone annuo proposto dal concorrente z

Xmax = canone di maggior importo offerto

Il coefficiente x  è 0 in corrispondenza della previsione di non concedere a favore dell’Amministrazione Comunale alcun canone ed è 1 in corrispondenza del canone di maggior importo offerto.

Ì = 4 Presentazione fideiussione bancaria di importo pari ad €. 11.000,00 in conto anticipazione per l’acquisto da parte del Comune dell’immobile di cui al progetto già oggetto del preliminare di vendita stipulato in data   04/03/2004 tra l’Amministrazione ed il privato. A pena di esclusione dalla gara, NON sono ammesse offerte prive della fideiussonie bancaria sopra citata.

Pertanto, a tutte le offerte in linea con tale previsione sarà attribuito il medesimo punteggio massimo pari a 5 punti .

i = 5    Quanto all’elemento Tempo di esecuzione dei lavori, è il tempo richiesto per la sola realizzazione dell’opera (approvazioni di legge escluse). Il Promotore ha dichiarato di realizzare il Centro Convegnistico e Centro Servizi in 12 mesi decorrenti dalla data di consegna dei lavori.

Non sono ammesse offerte, a pena di esclusione dalla gara, che prevedano tempi di esecuzione dei lavori superiori a 12 mesi.

L’attribuzione dei punteggi alle singole offerte che prevedano tempi di esecuzione pari o inferiori ai 12 mesi, avverrà applicando la seguente formula:

K4 = j P

j = Jmin/J      P =5               J = tempo di realizzazione in mesi indicato dal
                                                              concorrente z

Jmin = Minore tempo di realizzazione in mesi  proposto dai coefficienti.

j sarà convenzionalmente pari a 0 in corrispondenza della previsione di realizzare l’impianto in questione in un numero di 12 mesi ed è 1 in corrispondenza del minor termine di esecuzione previsto.

 

i = 6    Prezzo il Promotore non chiede la corresponsione di alcun contributo in conto gestione da parte dell’Amministrazione concedente, ma solo il diritto di gestire funzionalmente e di sfruttare economicamente l’impianto realizzato.

Poiché secondo gli indirizzi della Giunta Comunale la gestione del Centro Convegnistico e Centro Servizi non deve prevedere la corresponsione di alcun prezzo da parte dell’Amministrazione concedente, a pena di esclusione dalla gara, NON sono ammesse offerte che prevedano la richiesta di contributi o di alcun prezzo di cui all’articolo 19, comma 2 della Legge 109/94 e successive modificazioni ed integrazioni, per conseguire l’equilibrio economico finanziario della gestione.

Pertanto, a tutte le offerte in linea con tale previsione (nessun prezzo richiesto all’Amministrazione concedente) sarà attribuito il medesimo punteggio massimo pari a 5 punti.

 Articolo 8 – Modalità della procedura negoziata

Esperita la licitazione, l’Amministrazione Comunale entro 30 giorni dall’approvazione del verbale della Commissione Giudicatrice di individuazione dei soggetti ammessi alla procedura negoziata, comunica al soggetto promotore ed ai soggetti presentatori delle due migliori offerte (o all’eventuale unico soggetto concorrente, purché presentatore di un’offerta ritenuta valida dalla Commissione giudicatrice) il termine iniziale e le modalità di svolgimento della procedura negoziata, che si dovrà concludere entro i successivi 10 giorni.

Durante la procedura negoziata è ammessa la possibilità di ricorrere ad un unico rilancio, in senso migliorativo della qualità dell’offerta.

Nel caso in cui l’offerta migliore risulti di un soggetto diverso dal Promotore, quest’ultimo potrà, ai sensi dell’articolo 37-ter della Legge 109/94 e successive modificazioni ed integrazioni, esercitare il diritto di prelazione conformando la propria offerta a quella migliore scaturita dalla procedura negoziata; in tal caso niente sarà dovuto ai soggetti che hanno partecipato alla procedura negoziata.

Nel caso in cui risulti aggiudicatario un soggetto diverso dal Promotore ed il Promotore stesso non intenda esercitare il diritto di prelazione di cui all’articolo 37-ter della Legge 109/94, entro 60 giorni dall’aggiudicazione definitiva, quest’ultimo avrà diritto al pagamento, ai sensi dell’art. 37-quater della Legge  109/94 e successive modificazioni, dell’importo di cui all’art. 37-bis comma 1 della Legge medesima a titolo di rimborso per le spese sostenute nella predisposizione della proposta di progetto, importo altresì comprensivo dei diritti sulle opere di ingegno di cui all’articolo 2578 del Codice Civile.

Nel caso in cui, invece, risulti aggiudicatario il Promotore niente sarà dovuto ai soggetti partecipanti alla procedura negoziata, né ai concorrenti partecipanti alla licitazione privata non ammessi alla successiva fase di negoziale.

Nel caso in cui nei termini previsti dal presente bando non vi siano offerte la proposta del promotore posta a base di gara è vincolante per lo stesso ed il medesimo risulterà  aggiudicatario.


Articolo 9 – Soggetti ammessi alla gara

Possono presentare richiesta di partecipazione tutti i concorrenti di cui all’art. 10, comma 1, della Legge 109/94 e successive modificazioni, costituiti da imprese singole o imprese riunite o consorziate, ai sensi degli articoli 93, 94, 95, 96 e 97 del D.P.R. 554/1999, ovvero da imprese che intendano riunirsi o consorziarsi ai sensi dell’articolo 13, comma 5, della L. 109/94 e successive modificazioni, nonché i concorrenti con sede in altri stati membri dell’Unione Europea alle condizioni di cui all’articolo 3, comma 7, del D.P.R. 34/2000, purché in possesso dei requisiti di cui all’articolo 98 del D.P.R. 554/1999, di seguito specificati.

LE ASSOCIAZIONI TEMPORANEE E I CONSORZI di cui all'articolo 2602 del codice civile possono concorrere anche se non ancora costituiti; in tal caso la domanda di invito dovrà essere sottoscritta da tutte le imprese associare o consorziare e contenere l'impegno che, entro il termine indicato nella comunicazione di affidamento della concessione, produrranno atto notarile di conferimento del mandato collettivo speciale con rappresentanza ad una di esse, da indicare nella stessa sede come capogruppo, la quale stipulerà il contratto di concessione in nome e per conto proprio e delle mandanti. In caso di associazioni temporanee o consorzi già costituiti alla domanda deve essere allegato, in copia autentica, il mandato collettivo irrevocabile conferito alla mandataria o l’atto costitutivo del consorzio.

É vietata qualsiasi modificazione alla composizione delle associazioni temporanee e dei consorzi rispetto a quella risultante dall'impegno presentato in sede di domanda di invito o, se già costituite, rispetto all'atto di costituzione prodotto, con la sola eccezione del verificarsi del caso di cui all'articolo 12, comma 1, del D.P.R. 3 giugno 1998, n. 252.

É vietato ai concorrenti di partecipare alla gara in più di un’associazione, riunione o consorzio, ovvero di partecipare alla gara in forma individuale qualora si sia già parte di un’associazione, riunione o consorzio che partecipi alla stessa gara. I consorzi sono tenuti, pena l’esclusione, ad indicare per quali consorziati concorrono; a questi ultimi è fatto divieto di partecipare, in qualsiasi altra forma, alla medesima gara.

SOGGETTI SINGOLI:

Qualora il concorrente intenda eseguire i lavori direttamente con la propria organizzazione d’impresa, la richiesta di partecipazione alla gara dovrà essere corredata, pena l’esclusione, dalle seguenti dichiarazioni:

                    di essere in possesso dell’ attestazione di qualificazione, rilasciata da una S.O.A. autorizzata, con riferimento alle categorie dei lavori e degli importi indicati all’articolo 10 del presente bando, ai sensi di quanto previsto dal D.P.R. del 25.1.2000, nr. 34 e successive modificazioni ed integrazioni;

                    di essere in possesso, ai sensi dell’articolo 98 del D.P.R. 554/1999, dei seguenti requisiti economico-finanziari e tecnico-organizzativi:

a)     Fatturato medio relativo alle attività svolte negli ultimi cinque anni antecedenti alla pubblicazione del bando pari o superiore a Euro 100.000,00;

b)     Capitale sociale pari o superiore a Euro 40.000,00;

c)      Svolgimento negli ultimi cinque anni di attività di gestione di attività formative per un importo medio pari o superiore a Euro 40.000,00;

Ai sensi dell’articolo 2, comma 3 della Legge 109/94, così come modificata dall’articolo 7, comma 1, lettera a) della Legge 166/2002, i concorrenti dovranno indicare nell’offerta, pena di esclusione dalla gara, la percentuale di lavori che intendono affidare a terzi. (Si ricorda che ai concessionari di lavori pubblici è fatto obbligo osservare le disposizioni di cui alla Legge 109/94 e successive modificazioni ed integrazioni in materia di pubblicità dei bandi e termini per concorrere, nonché in materia di qualificazione degli esecutori di lavori pubblici). Qualora il concorrente non esegua direttamente i lavori oggetto della concessione, deve essere in possesso esclusivamente dei requisiti di cui alle sopra riportate lettere: a), b), c), d).


SOGGETTI ASSOCIATI

Qualora il concorrente sia un raggruppamento temporaneo di soggetti o un consorzio, i requisiti di cui alle sopra riportate lettere: a), b), c), d) devono essere posseduti dalla Capogruppo, dalle mandanti o dalle consorziate nella misura prevista dall’articolo 95 del D.P.R. 554/1999; le stesse percentuali devono essere possedute per quanto concerne le categorie dei lavori ed i relativi importi di cui all’articolo 10 del presente bando qualora il concorrente, associato o associando, intenda eseguire tutti i lavori o una parte di essi direttamente con la propria organizzazione d’impresa.

Si precisa che i lavori di realizzazione dell’impianto in questione si intendono eseguiti in proprio anche nel caso in cui siano affidati direttamente dalla società di progetto di cui all’articolo 37-quinquies, costituita successivamente all’aggiudicazione, ai propri soci purché gli stessi siano in possesso dei requisiti di qualificazioni di legge; nel caso in cui nessun socio sia qualificato all’esecuzione di lavori pubblici gli stessi lavori dovranno essere affidati a terzi soggetti, qualificati, sempre che venga rispettata la percentuale indicata in sede di offerta per quanto concerne i lavori da affidare a terzi; resta salva la possibilità di eseguire con la propria organizzazione d’impresa i lavori se in possesso dell’attestazione SOA conforme a quanto indicato al successivo articolo 10.

 

Articolo 10 - Importo dei lavori, categoria e classifica delle opere

Ai soli fini di un’iniziale stima dei lavori e dell’individuazione dei requisiti di ammissione alla gara, l’importo dei lavori oggetto della concessione viene indicato in complessivi € 795.521,48 IVA elusa, comprensivi di € 24.000,00 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. L’importo totale dell’investimento per la realizzazione dell’opera indicato nella proposta del Promotore ammonta a Euro 1.113.800,00 (IVA inclusa).

Con riferimento al preventivo di spesa predisposto dal promotore si possono individuare le seguenti categorie

di lavoro:

a) cat. OG1 (classe II)         – fino a Euro 516.457,00

   (importo previsto Euro 510.000,00)


b) cat. OG2                         – importo inferiore a 150.000,00                                        

 

c) cat. OG3                           – importo inferiore a 150.000,00


d) cat. OG6                        – importo inferiore a 150.000,00

                                                 
Categoria prevalente: OG1, classifica II, di cui all’allegato A e all’articolo 3, comma 4 del D.P.R. 34/2000.

Il quadro economico dettagliato dell’intervento è disponibile all’All. F della Documentazione di Gara.


Articolo 11 - Termine e modalità per la domanda di partecipazione

I soggetti interessati possono chiedere di essere invitati alla licitazione privata in oggetto inviando apposita richiesta al Comune di Bugnara, corso Vittorio Emauele III°, entro le ore 12,00 del giorno 22/09/2005.

L’apertura dei plichi avverrà, in seduta pubblica, che si terrà a partire dalle ore 10,00 del giorno 23/09/2005 presso gli uffici dell’Amministrazione Comunale concedente siti in corso Vittorio Emanuele III° del Comune di Bugnara.

La domanda di partecipazione dovrà pervenire a mezzo raccomandata del servizio postale o mediante agenzia di recapito autorizzata; in alternativa tale plico potrà essere consegnato semplicemente a mano direttamente all’Ufficio Protocollo del Comune.

Non saranno prese in considerazione le domande pervenute oltre il suddetto termine. (Il recapito della domanda rimane ad esclusivo rischio del mittente ove per qualsiasi motivo la stessa non giunga a destinazione in tempo utile).

La domanda dovrà pervenire in plico chiuso e sigillato all’indirizzo sopra indicato, sull’esterno della busta dovrà essere riportata l’indicazione del mittente nonché la dicitura “Richiesta di invito alla licitazione privata per la realizzazione di un nuovo Centro Convegnistico e Centro Servizi”; i plichi privi dei requisiti sopradescritti non saranno ammessi.

L’Amministrazione Comunale, entro 30 giorni dalla scadenza del termine per il ricevimento delle richieste di partecipazione, provvederà alla spedizione delle lettere di invito; saranno pertanto invitati a presentare la propria offerta entro il termine fissato nella lettera di invito, che non potrà in ogni caso essere inferiore a 20 giorni, tutti i soggetti che ne abbiano fatto richiesta (purché alla domanda di partecipazione sia stata allegata tutta la documentazione richiesta nel successivo articolo 12); la richiesta d’invito non vincola l’Amministrazione concedente.



La licitazione privata sarà ugualmente espletata anche qualora il numero dei candidati in possesso dei requisiti richiesti da invitare sia inferiore a tre.

Articolo 12 – Modalità di presentazione del plico contenente la domanda di partecipazione

Nel plico, da presentarsi nel termine e con le modalità indicate all’art. 11) devono essere accluse, pena l’esclusione, le dichiarazioni o certificazioni sotto riportate, oltre alle dichiarazioni prescritte all’articolo 9 del presente Bando, in relazione alla specifica tipologia del concorrente.

1.  La domanda di partecipazione, in competente bollo, dovrà essere in lingua italiana e sottoscritta con firma leggibile dal legale rappresentante o da persona abilitata ad impegnare il concorrente, accompagnata dalla fotocopia del documento di identità del sottoscrittore, deve riportare l’indirizzo del mittente, il codice fiscale e/o la partita IVA, il numero di telefono e di fax e l’eventuale indirizzo di posta elettronica (tale domanda dovrà essere sottoscritta dal rappresentante dell’impresa mandataria in caso di raggruppamenti temporanei e di Consorzi già costituiti, ovvero dai legali rappresentanti di tutte le imprese e degli altri soggetti che si impegnano a costituirsi in associazione o in consorzio successivamente all’affidamento).

Con la domanda di invito alla licitazione il concorrente contestualmente dichiara:

di aver esaminato copia della documentazione di gara;  

di essersi recato sul luogo di esecuzione dei lavori;

di aver preso conoscenza delle condizioni locali e della viabilità;

di aver individuato le cave eventualmente necessarie e le discariche autorizzate;

di aver considerato tutte le circostanze generali e particolari suscettibili di influire sulla determinazione delle offerte, sulle condizioni contrattuali e sull’esecuzione dei lavori e della futura gestione dell’opera, giudicando la realizzazione e la gestione dell’opera possibile;

di impegnarsi a tener conto, nel formulare l’offerta, degli oneri previsti per i piani di sicurezza e di aver adempiuto, all’interno della propria azienda, agli obblighi di sicurezza previsti dal D.Lgs. 626/94;


di non aver fatto ricorso ai piani individuali di emersione del lavoro sommerso (l’eventuale ricorso a suddetti piani determina l’esclusione dalle gare d’appalto fino alla conclusione del periodo di emersione) di cui al D.L. 25 settembre 2002, nr. 210, convertito con modificazioni nella L. 22 novembre 2002, ovvero di essersi avvalso dei piani individuali di emersione del lavoro sommerso ma che, alla data di pubblicazione del presente bando di gara, il periodo di emersione è concluso;


di aver effettuato una verifica della disponibilità della mano d’opera necessaria per l’esecuzione e la gestione dell’opera;


di aver effettuato una verifica della disponibilità di attrezzature adeguate all’entità ed alla tipologia della stessa sia in fase di costruzione che di gestione;


di impegnarsi sin d’ora a comprovare, nei termini e nei modi stabiliti nella lettera di invito alla licitazione privata, il possesso dei requisiti di cui al precedente articolo 9 del presente bando di gara – (all’atto della presentazione dell’offerta).

2.                  Dichiarazione in carta semplice del titolare, del socio, dell’amministratore munito dei poteri di rappresentanza attestante l’inesistenza delle situazioni indicate al comma 1 lettera a), d), e), f), g) e h) dell’articolo 75 del D.P.R. 554/99, così come modificato dal DPR 412/2000.

3.                  Certificato del casellario giudiziale e dei carichi pendenti ai sensi dell’articolo 75 del DPR 554/99, così come modificato dal DPR 412/2000 dei soggetti di seguito riportati:


del Titolare per le imprese individuali;


di tutti i Soci (per le S.N.C.), ovvero da tutti i Soci Accomandatari (per le S.A.S.);


degli Amministratori muniti del potere di rappresentanza per le società di capitali;

in ogni caso del Direttore Tecnico o dei Direttori Tecnici se diverso/i dai soggetti già citati.

unitamente alla dichiarazione di cui alle lettere b) e c) del comma 1 dell’articolo 75 del D.P.R. 554/99:

·        di non aver pendente nessun procedimento per l'applicazione di una delle misure di prevenzione di cui all'articolo 3 della legge 27 dicembre 1956, nr. 1423;


che nei propri confronti non è stata pronunciata sentenza di condanna passata in giudicato, oppure di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell'articolo 444 del codice di procedura penale, per reati che incidono sull'affidabilità morale e professionale.

Ai sensi del D.P.R. 445/2000 tale certificato può essere sostituito da una dichiarazione sostitutiva di certificazione rilasciata ai sensi degli articoli 46 e 48 della precitata norma.

Dichiarazione sostitutiva di atto notorio di cui all’art. 47 del D.P.R. 445/2000 resa dal Legale Rappresentante dalla quale risulti che nel triennio antecedente la data di pubblicazione del bando non è stata sostituita la figura del Titolare, del Socio, dell’Amministratore munito dei poteri di rappresentanza né del Direttore Tecnico;

ovvero, qualora sia intervenuta una sostituzione che nei loro confronti non sia stata pronunciata sentenza di condanna passata in giudicato oppure di applicazione della pena su richiesta ai sensi dell'articolo 444 del CCP per reati che incidono sull'affidabilità morale e professionale;

ovvero, qualora sia intervenuta una sostituzione e sia stata pronunciata, nei loro confronti, sentenza di condanna passata in giudicato oppure di applicazione della pena su richiesta dell'articolo 444 del CCP per reati che incidono sull'affidabilità morale e professionale che sono stati adottati atti o misure  di completa dissociazione della condotta penalmente sanzionata;

5. Elenco delle imprese (denominazione, ragione sociale e sede, rispetto alle quali il concorrente si trova, ai sensi dell'articolo 2359 del Codice Civile, in situazione di controllo diretto o come controllante o come controllato; tale dichiarazione va resa anche se negativa.

6. Dichiarazione sostitutiva di atto notorio di cui all’art. 47 del D.P.R. 445/2000 resa dal Legale Rappresentante dalla quale risulti:

a) la propria condizione di non assoggettabilità agli obblighi di assunzioni obbligatorie di cui alla L. 68/99 (nel caso di imprese che occupano non più di 15 dipendenti e da 15 a 35 dipendenti ma che hanno effettuato nuove assunzioni dopo il 18 gennaio 2000)

ovvero

b) l’ottemperanza alle norme di cui all’art. 17 della L. 68/99 in materia di diritto al lavoro da parte dei disabili (nel caso di imprese che occupano più di 35 dipendenti e di imprese che occupano da 15 a 35 dipendenti che hanno effettuato una nuova assunzione dopo il 18 gennaio 2000)

7. Nel caso di ricorso all’A.T.I.: dichiarazione che contenga l’impegno, in caso di aggiudicazione della gara, ad uniformarsi alla disciplina vigente in materia di lavori pubblici con riguardo alle associazioni temporanee, specificando la quota di partecipazione di ciascun associando ed i relativi compiti/funzioni all’interno dell’associazione, nonché impegno delle imprese associande a conferire, entro il termine indicato nella comunicazione di affidamento della concessione e mediante scrittura privata autenticata da un notaio, mandato collettivo al Legale Rappresentante dell’impresa individuata quale capogruppo, la quale stipulerà il contratto di concessione in nome e per conto proprio e delle mandanti (articolo 13, comma 5 della Legge 109/94 e successive modificazioni ed integrazioni). In tale mandato collettivo speciale dovrà risultare:
 

 il tipo di associazione prescelta con l’indicazione delle quote di partecipazione all’A.T.I.;

                    il conferimento di mandato speciale, gratuito ed irrevocabile a chi legalmente rappresenta l’impresa capogruppo;

                    l’inefficacia nei confronti del Comune di Bugnara della revoca del mandato stesso per giusta causa;

                    l’attribuzione al mandatario, da parte delle imprese mandanti, della rappresentanza esclusiva, anche processuale, nei confronti del Comune di Bugnara per tutte le operazioni e gli atti di qualsiasi natura dipendenti dal contratto di concessione, anche dopo il collaudo dei lavori fino all’estinzione di ogni rapporto.

                     

7/bis. Nel caso di Consorzi:  dichiarazione  sottoscritta  dal  Legale  rappresentante  con

          l’indicazione dei consorziati per i quali il consorzio concorre, nonché dichiarazioni di

          cui ai punti 2, 3, 4 e 6 riferita al consorziato per cui il consorzio medesimo concorre.



8.                  Dichiarazione di cui al precedente articolo 5 rilasciata dal Responsabile del Servizio Tecnico del Comune di Bugnara; all’atto della presa visione del progetto posto a base di gara.

 

Tutte le dichiarazioni dovranno essere sottoscritte dal legale rappresentante in caso di concorrente singolo.

Nel caso di concorrente costituito da imprese riunite o da riunirsi o da associarsi, le medesime dichiarazioni devono essere prodotte da ciascun concorrente che costituisce o che costituirà l’associazione o il consorzio o il Geie. Le dichiarazioni possono essere sottoscritte anche da procuratori dei legali rappresentanti ed in tal caso va trasmessa la relativa procura con firma autenticata da un Notaio.

La sottoscrizione delle citate dichiarazioni non è soggetta ad autenticazione, purché venga allegata copia fotostatica - non autenticata - di un documento di riconoscimento in corso di validità del soggetto che sottoscrive le dichiarazioni in questione ai sensi del D.P.R. 445/2000. Si rammenta la responsabilità penale cui si incorre in caso di dichiarazioni false. In tal caso si procederà alla conseguente denuncia penale; resta salvo l’eventuale diniego di partecipazione alle gare future.

 

Il Responsabile del Procedimento, inappellabilmente, sulla validità delle dichiarazioni/documenti presentati dai concorrenti e, nel caso irregolarità non sanabili o di totale mancanza delle dichiarazioni/documenti, esclude dalla gara il concorrente. I concorrenti potranno regolarizzare le eventuali incompletezze formali dei documenti vi-ziati, su invito del Responsabile del Procedimento, entro il termine perentorio dallo stesso fissato; il mancato rispetto di tale termine comporta l’esclusione dalla gara di pieno diritto.

 

Articolo 13 - Presentazione offerta

Le lettere di invito a presentare l’offerta saranno spedite entro 30 giorni dalla data di scadenza del termine per il ricevimento delle richieste di partecipazione.

L’offerta, sottoscritta con le stesse modalità previste per la sottoscrizione della domanda di invito alla licitazione privata, dovrà essere presentata in plico chiuso, sigillato e controfirmato sui lembi di chiusura; le modalità ed i tempi di presentazione dell’offerta saranno indicati nella lettera di invito.

L’offerta dovrà contenere i seguenti requisiti o documenti:

A)                  copia degli elaborati progettuali che compongono il progetto preliminare di cui all’articolo 18 del D.P.R. 554/99 interessati dai miglioramenti tecnico-costruttivi ed impiantistici (articolo 7 del presente bando di gara) rispetto al progetto preliminare presentato dal promotore e, per ciascuno di questi miglioramenti, quantificazione dei costi e dei vantaggi economici conseguenti;

B)                  Relazione sulle caratteristiche del servizio e della gestione, nonché bozza di convenzione da dove poter estrapolare i valori riferiti agli elementi oggetto di valutazione (articolo 7 del presente bando di gara) da considerare ai fini della determinazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa, confrontabili con quelli indicati nella proposta del promotore;

C)                  Piano Economico Finanziario, in cui sono recepiti i miglioramenti di cui alla precedente lettera A), asseverato da Istituto di Credito o dagli altri soggetti di cui al comma 1 dell’articolo 37-bis della Legge 109/94 e successive modificazioni ed integrazioni, a ciò autorizzato;

D)                  cauzione di cui al comma 2 dell’articolo 37-quater della Legge 109/94 e successive modificazioni ed integrazioni, da versarsi mediante presentazione di fideiussione bancaria o assicurativa dell’importo di cui all’art.8 del presente bando (importo delle spese sostenute per la predisposizione della proposta progettuale da parte del Promotore, comprensivo anche dei diritti sulle opere di ingegno di cui all’articolo 2578 del codice civile), avente una validità non inferiore a 180 giorni. Nel caso in cui il Promotore non intenda esercitare il diritto di prelazione e risulti quindi aggiudicatario un soggetto diverso, la suddetta cauzione presentata dall’aggiudicatario sarà utilizzata dall’Amministrazione concedente per il pagamento a favore del Promotore, entro 30 giorni dall’aggiudicazione definitiva, delle spese dal medesimo sostenute per la predisposizione della proposta posta a base della licitazione privata;

E)                  cauzione provvisoria di cui all’articolo 30, comma 1 della Legge 109/94 e successive modificazioni ed integrazioni, da versarsi mediante presentazione di fideiussione bancaria, assicurativa o rilasciata dagli intermediari finanziari iscritti nell’elenco speciale di cui all’articolo 107 del D.Lgs 385/1995, dell’importo di Euro 15.910,43 (si potrà usufruire del beneficio di cui all’articolo 8, comma 11-quater della Legge 109/94 – riduzione dell’importo della cauzione nella misura del 50% - qualora si dimostri di aver conseguito la certificazione del sistema di qualità conforme alle norme europee della serie UNI EN ISO 9000 mediante presentazione di una copia conforme della certificazione stessa, purché in corso di validità, ovvero mediante presentazione di una copia conforme della dichiarazione della presenza di elementi significativi e tra loro correlati al sistema di qualità rilasciata dai soggetti accreditati ai sensi delle norme europee della serie UNI CEI EN 45000, purché in corso di validità). La scheda tecnica della polizza fideiussoria presentata a titolo di cauzione provvisoria dovrà essere debitamente compilata e sottoscritta dalle parti contraenti e dovrà essere conforme allo schema 1.1 allegato al D.M. 12 marzo 2004, nr. 123 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale l’11 maggio 2004, nr. 109 della Serie Ordinaria.

F)                   Documentazione comprovante il possesso dei requisiti di cui all’articolo 9 del presente Bando, ossia il possesso dei requisiti di cui all’articolo 98 del DPR 554/99 (Requisiti del concessionario) nonché, qualora il Concessionario esegua i lavori con la propria organizzazione d’impresa, attestazione di qualificazione, in corso di validità, rilasciata da una S.O.A. autorizzata per entrambe le categorie, le classifiche e gli importi indicati nell’articolo 10 del presente bando.

Tutti i documenti di cui sopra, costituenti l’offerta, dovranno essere prodotti, a pena di esclusione dalla licitazione.


Articolo 14 – Spese

Sono a carico del Concessionario tutte le spese inerenti il contratto di concessione, ivi comprese le spese di rogito, le imposte di registro, i bolli e quant’altro inerente il contratto di concessione; a carico del Concessionario sono anche le spese da sostenere da parte dell’Amministrazione inerenti la parcella del collaudatore dell’opera, che verrà però nominato dall’Amministrazione. Nessun compenso o rimborso spetta ai concorrenti, diversi dal promotore, per l’elaborazione dell’offerta e l’asseverazione del piano economico-finanziario.


Articolo 15 – Termine di validità dell’offerta

Le Imprese non risultate aggiudicatarie sono vincolate alla propria offerta per 180 (centottanta) giorni dall’aggiudicazione; decorso tale termine le imprese concorrenti avranno facoltà di svincolarsi dalla propria offerta.

 

Articolo 16 – Società di progetto

Il Concessionario ha la facoltà, dopo l’aggiudicazione, di costituire una società di progetto, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 37-quinquies della Legge 109/1994 e successive modifiche ed integrazioni, in forma di società per azioni o a responsabilità limitata, anche consortile, con capitale sociale minimo non inferiore a 80.000,00 Euro (in caso di concorrente costituito da più soggetti, nell’offerta deve essere indicata la quota di partecipazione al capitale sociale di ciascun soggetto).

In tal caso la società così costituita diverrà la concessionaria subentrando nel rapporto di concessione all’aggiudicatario.

La società di progetto, eventualmente costituita, avrà inoltre la facoltà di emettere le obbligazioni di cui all’articolo 37- sexies, previa autorizzazione da parte dei competenti organi di vigilanza.

 

Articolo 17- Finanziamento

Il concessionario provvederà alla realizzazione dell’opera in totale regime di autofinanziamento, recuperando l’investimento effettuato attraverso i ricavi della gestione funzionale e del relativo sfruttamento economico e del finanziamento statale concesso (€ 1.000.000,00) Accordo di Programma Quadro – A.P.Q. - “Sviluppo locale e riequilibrio aree interne” sottoscritto in data 31/05/2005.

L’equilibrio dell’investimento deve risultare dal Piano economico – finanziario asseverato da Istituto di credito o da altri soggetti a ciò autorizzati ricompresi nell’elenco di cui al comma 1 dell’articolo 37-bis della Legge 109/94.

L’Amministrazione non si assume alcuna responsabilità per eventuali ritardi dei finanziamenti pubblici.

Articolo 18 – Termini di esecuzione dell’opera

Il termine massimo per l’ultimazione dei lavori è di dodici mesi dalla data di inizio degli stessi, la consegna dei lavori deve avvenire entro 15 giorni dalla data della stipulazione del contratto.

La durata della concessione in gestione della struttura è fissata in venti anni.

 

Articolo 19 – Altre informazioni

Il Concessionario a copertura dei rischi connessi alle diverse fasi oggetto della concessione (progettazione, costruzione e gestione) avrà l’obbligo di stipulare le polizze assicurative previste dal Titolo VII del DPR 554/99 adeguate al valore dell’intervento da progettare, nonché al valore dell’opera realizzata, polizze che dovranno essere conformi agli schemi allegati al D.M. 12 marzo 2004, nr. 123, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale l’11 maggio 2004, nr. 109 della Serie Ordinaria.

In caso di fallimento o di risoluzione del contratto per grave inadempimento dell’aggiudicatario dell’appalto, l’Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di interpellare il secondo classificato al fine di stipulare un nuovo contratto per il completamento dei lavori alle medesime condizioni economiche già proposte in sede di offerta.

L’Amministrazione Comunale si riserva la facoltà insindacabile di non dar luogo alla gara, di prorogarne la data, di sospendere la seduta di gara o aggiornarla senza che i concorrenti possano vantare alcuna pretesa al riguardo.

Per quant’altro non specificatamente previsto nel presente bando e nella lettera d’invito, si fa riferimento alle norme di legge vigenti in materia alla data di pubblicazione del bando stesso.

Articolo 20 – Garanzia da parte dell’Amministrazione e controgaranzia da parte del Concessionario

Qualora il concessionario intenda contrarre un mutuo per finanziare la quota a proprio carico dell’opera in oggetto si impegna a rilasciare a favore del Comune di Bugnara, a garanzia del puntuale rispetto degli obblighi previsti dalla convenzione, apposita fideiussione pari a 1,5 volte l’importo del mutuo, di durata pari a quella del mutuo, che dovrà prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la sua operatività entro quindici giorni a semplice richiesta scritta del beneficiario. L’importo della garanzia potrà essere gradualmente ed automaticamente ridotto in proporzione al pagamento delle rate del mutuo.

 
Articolo 21 – Pubblicazione bando

Il presente bando viene affisso, nella versione integrale, all’Albo Pretorio del Comune di Bugnara e sul proprio sito internet www.comunedibugnara.it , pubblicato sul  B.U.R.A. n.92 Speciale del 02/09/2005 e per estratto sui quotidiani  “Il Centro” e “il Messaggero”.

 

Articolo 22 – Tutela della privacy

Ai sensi dell’articolo 10 della Legge 31 dicembre 1996, n. 675 e successive modificazioni, si precisa che il trattamento dei dati personali sarà improntato a liceità e correttezza nella piena tutela dei diritti dei concorrenti e della loro riservatezza; il trattamento dei dati ha la finalità di consentire l’accertamento dell’idoneità dei concorrenti a partecipare alla procedura di affidamento dei lavori di cui trattasi.
 

Articolo 23 - Responsabile del procedimento

Il Responsabile del Procedimento è Geom. Antonio D’Angelo Dell’Ufficio Tecnico Comunale.

Per informazioni ci si potrà rivolgere al Comune di Bugnara, Via Vittorio Emanuele III° - Area Servizi Tecnici .nei giorni: da lunedì al venerdì  dalle ore 9,00 alle ore 13, 00 – martedì e venerdì dalle ore 16,30 alle ore 18,30.
0864/46114 - Ê 0864/46301

  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , sito internet www.comunedibugnara.it

                  Bugnara, 02/09/2005

Il Responsabile Servizio Tecnico

    Geom. Antonio D’Angelo